Studio Galletta © 2019 | P.I. 05044760873

Centro Medico Le Zagare

Via Montello n.1,

contrada Bottazzi s.n.c.,
95037,

San Giovanni la Punta,

CATANIA

Studio Galletta

Centro Medico  "LE ZAGARE"

PARCO COMMERCIALE  "LE ZAGARE",

San Giovanni la Punta, CATANIA

Contatti:

Tel: +39 366 7171415

Email: info@studiogalletta.it

  • Wix Facebook page
  • Wix Google+ page

Designed by Matteo Motta

Aggiornato il 12/07/2019 - 16:48

Tags:

Rinoplastica, Foto prima e dopo,

Chirurgia nasale, Offerte rinoplastica, Otoplastica, Sicilia.

Ipertrofia dei Turbinati Inferiori

Cosa è? 
Rigonfiamento delle parti molli della parete laterale del naso in grado di ostacolare il normale flusso ventilatorio nasale.

 

Quali sono i disturbi lamentati dal paziente con ipertrofia dei turbinati? 
Difficoltà ventilatorie nasali alternanti, via via ingravescenti, respirazione orale vicariante, gola secca,  riposo notturno disturbato.

 

Cosa succede alla visita preliminare?
L’esecuzione di una video-endoscopia potrà chiarire definitivamente quali fenomeni concorrono alla realizzazione di una difficoltà ventilatoria nasale. La cattiva ventilazione nasale dipende non solo dalle deviazioni del setto nasale, ma anche dall’ipertrofia dei turbinati, delle ipertrofie adenoidee  e  tonsillari, dalle poliposi nasale ed altro. Prove allergiche ed eventualmente TAC e RMN del massiccio facciale  aiuteranno ad escludere la coesistenza di varie patologie  concomitanti.

 

Che relazione c’è tra allergia ed ipertrofia dei turbinati?
Rinopatie allergiche creano  e mantengono le ipertrofie dei turbinati permanenti.

 

Quali possono essere le altre possibili cause? 
Talvolta i fini meccanismi  che regolano  la variazione  volumetrica di turbinati, non funzionano più correttamente. Si innesca così la rinopatia vasomotoria.

 

Come si curano le ipertrofie dei turbinati?
Solitamente sono sufficienti terapie con decongestionanti nasali, aerosol e farmaci antiallergici. Se non sono presenti altre patologie nasali, le terapie mediche migliorano i disturbi ventilatori accusati.  Casi ostinati necessitano di interventi chirurgici nasali mirati. 

 

Che metodica verrà usata nel caso di intervento chirurgico?
Interventi chirurgici mediante laser e/o radiofrequenza eseguiti in anestesia locale sono al momento le tecniche di maggiore successo.

 

Quanto tempo durerà l’intervento chirurgico?
Dieci minuti circa. Al termine dell’intervento ambulatoriale, il paziente potrà tornare alla sua normale vita di relazione.

 

Sarà necessario a fine intervento l’uso dei tamponi nasali?
Solitamente no.

 

Avrò dolore nel post-operatorio?
Sorprendentemente il dolore sarà assente. Nei giorni  a seguire, sarà presente una sensazione di naso chiuso,  che durerà non oltre i 6-7 giorni.

 

Durata del risultato?
Permanente. Se presenti forme allergiche, queste vanno trattate.

 

Sono previste delle complicanze?
Di solito no. Talvolta, se compare un modesto sanguinamento nasale, è necessario ricorrere al tamponamento nasale.