Studio Galletta © 2019 | P.I. 05044760873

Centro Medico Le Zagare

Via Montello n.1,

contrada Bottazzi s.n.c.,
95037,

San Giovanni la Punta,

CATANIA

Studio Galletta

Centro Medico  "LE ZAGARE"

PARCO COMMERCIALE  "LE ZAGARE",

San Giovanni la Punta, CATANIA

Contatti:

Tel: +39 366 7171415

Email: info@studiogalletta.it

  • Wix Facebook page
  • Wix Google+ page

Designed by Matteo Motta

Aggiornato il 12/07/2019 - 16:48

Tags:

Rinoplastica, Foto prima e dopo,

Chirurgia nasale, Offerte rinoplastica, Otoplastica, Sicilia.

Otoplastica o Chirurgia Estetica dei Padiglioni Auricolari

  • Cosa è l'Otoplastica?

E' un'intervento chiururgico con finalità estetiche e con rilevanti ripercussioni psicologiche. Il suo fine è quello di riporre in una posizione più corretta una o entrambe le orecchie rendendole meno evidenti e creando una forma più piacevole del padiglione auricolare.​​

  • Cause

    In alcuni casi la forma alterata delle orecchie può dipendere da un decubito obbligato in cavità uterina, soprattutto se presente un gemello. Nella maggior parte dei casi, invece, il normale accartocciamento della cartilagine del padiglione auricolare, dovuto all'azione dei muscoli intrinseci dell'orecchio, si realizza parzialmente.

  • A che età  realizzarla?
    Il ricorso oggi a tecniche particolarmente conservative ne permette l'applicazione intorno ai 5-6 anni, quando lo sviluppo dell'orecchio è quasi completo e iniziano  i disagi psicologici del bambino al confronto con i suoi coetanei.

  • Errori Frequenti

I tentativi di correzione familiari con metodi empirici, come ad esempio l'uso di adesivi per mantenere l'orecchio nella giusta posizione, sono totalmente inutili.

  • Ripercussioni sull'udito

L'intervento chiururgico non ha alcun effetto o ripercussione sul senso dell'udito.

 

  • Limiti

Bisogna notare che i padiglioni auricolari non sono mai esattamente uguali e simmetrici l'un l'altro, anche in situazioni di assoluta normalità. Quindi una perfetta simmetria millimetrica rappresenta un'aspettiativa irraggiungibile.

 

  • Chi è candidato all'otoplastica

Il candidato migliore è un soggetto in buona salute, psicologicamente stabile e realistico nelle sue aspettative, che desideri fortemente migliorare, da un punto di vista estetico, la forma delle proprie orecchie per un benessere psicofisico migliore.

Qual'ora si tratti di un bambino è importante che lui stesso sia ben motivato a richiedere il cambiamento e che non siano i genitori a pressarlo in questa scelta.

  • Quale specialista scegliere?
    L'otorinolaringoiatra o il chirurgo estetico, infatti, per la loro  particolare esperienza nella chirurgia del volto dispongono  delle migliori  competenze  per affrontare l'intervento con la massima sicurezza

 

  • Cosa succede alla visita preliminare?
    In occasione della visita preliminare, i desideri estetici del paziente ed i limiti della correzione estetica devono essere attentamente valutati, discussi e chiariti. L'obiettivo del chirurgo  è quello di realizzare due orecchie  che soddisfino  pienamente le esigente estetiche del paziente, che si armonizzino in modo ottimale con le caratteristiche del volto

 

  • Che tipo di anestesia dovrò praticare?
    Anestesia generale in bambini molto piccoli o anestesia locale con sedazione

 

  • Che metodica verrà usata?
    Lo scollamento ed il rimodellamento delle cartilagini auricolari  avverrà attraverso una incisione realizzata dietro il padiglione auricolare. Esiteranno cicatrici esterne quasi del tutto invisibili

 

  • Quanto tempo durerà l'intervento chirurgico?
    Tempi variabili a secondo del progetto chirurgico da attuare e dalle difficoltà incontrate.  Una otoplastica  bilaterale completa viene eseguita in 80  minuti circa. Reinterventi necessitano di tempi di esecuzione variabili

 

  • Avrò dolore al mio risveglio?
    Sorprendentemente no! Sarà più fastidioso convivere con un bendaggio compressivo sulla testa per una settimana

 

  • Cosa accadrà nei giorni successivi?
    Medicazione compressiva per la prima settimana e benda elastica protettiva notturna per i trenta  giorni a seguire. In una decina di giorni circa il paziente  potrà tornare ad una normale vita di relazione. Per attività fisiche sportive o lavorative pesanti bisognerà attendere tra le 3-4  settimane

  • Tempi di recupero

Solitamente, dopo una decina di giorni dall'intervento è possibile, con le massime precauzioni, la ripresa delle attività lavorative.

  • Durata del risultato?
    Permanente

 

  • Quando potrò espormi al sole?
    E’ consigliabile esporsi al sole non prima dei tre mesi

 

  • Quando sarò guarito del tutto?
    Risultati stabili e definitivi si ottengono dopo circa 6-8 mesi

 

  • Sono previste delle complicanze?
    Le complicanze sono eventi rari, ma non per questo impossibili a verificarsi. Raramente quando il risultato chirurgico mostra imperfezioni è possibile eseguire piccoli interventi di ritocco anche in anestesia locale, ma non prima di una anno dall'intervento.